Intervista a RaiUno

Stefano Valente - Il Barone dell’Alba a «il Caffè di RaiUno»

Intervista di Guido Barlozzetti a Stefano Valente sul romanzo Il Barone dell’Alba nella rubrica televisiva «Il Caffè di RaiUno»

 

 

Radioblog: Il Barone dell’Alba

In questa nuova puntata di Radioblog andremo alla scoperta del “Barone dell’Alba” l’ultimo romanzo di Stefano Valente, edito da Graphofeel.
Un romanzo ambientato in epoca settecentesca dove storia e avventura si intrecciano attraversando l’Italia, la Sicilia, Malta fino ad arrivare addirittura in Egitto.
Con l’autore parleremo di questo e di molto altro ancora: i suoi consigli di lettura, gli scrittori emergenti che lo hanno colpito, i suoi consigli per intraprendere il mestiere di scrittore...

Ascolta l’intervista:

 

 

 

“Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente, Graphofeel edizioni
di Patrizia Poli (Signora dei Filtri)

Una scrittura straordinaria, non ci sono altri termini per definire lo stile di Stefano Valente ne Il barone dell’alba. Non è il contenuto a colpire e affascinare, non è la trama di questo romanzo picaresco ed erudito, ma l’espressione colta, raffinata eppure scorrevole, visiva, narrativa. Ci sono pezzi meravigliosi, come la descrizione raccapricciante dell’autodafè, il rogo dei presunti eretici. Non saprei immaginare un modo migliore per mostrare la scena, per farla vedere, toccare, annusare e, allo stesso tempo, renderla letteraria, dotta, elegante(...) Un romanziere, Stefano Valente, che ha molto da spartire coi grandi classici ed è, a tutti gli effetti, un autentico signore della scrittura... (Leggi tutto)

 

 

 

16 luglio 2017: il romanzo Il Barone dell’Alba terzo classificato al Premio Incostieraamalfitana, Festa del Libro in Mediterraneo

(Un’immagine della cerimonia svoltasi a Cetara, Salerno. A sinistra l’autore premiato dall’organizzatore Alfonso Bottone)

 

 

 

 



Il romanzo storico Il Barone dell’Alba finalista del premio Costadamalfilbri 2017, nell’ambito dell’undicesima edizione di Incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo

Ultimo atto per il Premio costadamalfilibri, maiolica della tradizione ceramista vietrese realizzata da Nicola Campanile, nell'ambito dell'undicesima edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. A contendersi il riconoscimento che sarà consegnato il 16 luglio in piazza San Francesco a Cetara: "Era miopadre" di Claudia Saba, edito da Laura Capone; "Giulia Tofana. Gli amori, i veleni" di Adriana Assini, pubblicato da Scrittura & Scritture; "Il Barone dell'Alba" di Stefano Valente, edito da Graphofeel; "Marta Russo. Il Mistero della Sapienza" di Mauro Valentini, pubblicato da Sovera... (Vai alla pagina)

 

 

Special su Radiolibri

Special su Francesco Antonio, Barone di Santamaria di Calòria nella rubrica «Personaggi» di Radiolibri

Special sul protagonista del romanzo Il Barone dell’Alba sul canale Radiolibri

 

 

 

Spot su Radiolibri

Spot Il Barone dell’Alba su Radiolibri

Spot radiofonico del romanzo Il Barone dell’Alba sul canale Radiolibri

 

 

 



Premio Costadamalfilbri 2017 il 31 maggio alla Feltrinelli di Salerno e 1° giugno a Minori

“Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente, L’Agenda verde di Gianni Mauro, le indagini dello Sciacallo ne “Il Buio dentro” di Antonio Lanzetta e di Jack Wild in “Le gemelle” di Salvatore Gargiulo, la “Malacittà” di Francesco Gemito

Entra nel vivo la gara tra i 52 autori di novità letterarie per l'assegnazione del Premio costadamalfilbri 2017, maiolica della tradizione ceramista vietrese realizzata da Nicola Campanile, nell'ambito dell'undicesima edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo.

Mercoledì 31 maggio alla Libreria la Feltrinelli di Salerno, con inizio alle 18.30, vanno di scena "Il Barone dell'Alba" di Stefano Valente edito da Graphofeel, e "L'Agenda verde. Storielle orientativamente disorientanti" di Gianni Mauro, pubblicato da Il Papavero.

La fine del '700: in "Il Barone dell'Alba" di Stefano Valente, glottologo e lusitanista, il Grand Tour del giovane barone borbonico Francesco Antonio si trasforma in una rocambolesca sequenza di avventure cui fanno da sfondo l'Italia e il Mediterraneo, la Sicilia e Malta, fino all'Egitto delle antichissime divinità teriomorfe e dei loro orripilanti misteri. Sulle tracce di un enigmatico ritratto di donna il barone di Santamaria di Calòria percorrerà i mari e gli Stati, in compagnia di preti avventurieri e bestemmiatori, di sbirri negromanti dall'ambigua bellezza, braccato dai sicari della Chiesa e dalle spie dell'Inquisizione... (Vai alla pagina)

 

 

 

“Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente, Graphofeel edizioni
di Daniela Domenici

(...) È sì un romanzo storico che si svolge alla fine del ‘700 ma è soprattutto un incredibile, appassionante, doloroso viaggio interiore del protagonista, il giovane barone borbonico Francesco Antonio, il cui grand tour, programmato dal padre, “si trasforma in una rocambolesca sequenza di avventure cui fanno da sfondo l’Italia e il Mediterraneo, la Sicilia e Malta fino all’Egitto…”, come si legge in quarta di copertina, che lo arricchiranno, lo sconvolgeranno e lo cambieranno a tal punto che…non vi dico altro perché vi toglierei la suspense dello lo straordinario pathos che Valente è riuscito a creare e a mantenere ininterrottamente per le oltre 300 pagine di questa sua opera... (Leggi tutto)

 

 

 

Il Barone dell’Alba di Stefano Valente. Un viaggio antico verso il mattino.
di Isabella Moroni (Art a Part of Culture)

Quante storie possono essere racchiuse in una storia sola?

Infinite e Stefano Valente è un maestro nel produrre questa magia nelle sue narrazioni. Narrazioni che vanno sempre un po’ oltre, che sradicano le consuetudini, le abitudini, il pensiero comune e mettono ali al suo testo e, con lui, al lettore che s’appassiona e s’arrende alle sue storie... (Leggi tutto)

 

 

 

Le tazzine di Yoko

Blogtour dedicato a “Il Barone dell’Alba”: 5^ tappa – segnalazione+ intervista

Buonasera cucchiaini :)
a quanti blogtour che stiamo partecipando ultimamente, ma adoriamo questo clima da salottino che si viene a creare e non riusciamo a dire di no (tranne in rari casi!).
Oggi ospitiamo la quinta tappa del blogtour dedicato a “Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente :) una lettura che non potrà fare a meno di catturare l’attenzione degli amanti dei romanzi storici. Il libro lo potete trovare sia in versione ebook che cartaceo, ma lascerò che ve ne parli l’autore stesso in una mini intervista...
(Leggi tutto)

 

 

 

Nei libri cerchiamo la frase che parla di noi...

Il Barone dell'Alba: il nuovo libro di Stefano Valente
di Simona Colaiuda

(...) E il ricordo di quello sguardo azzurro diventa una stella polare che indica il cammino tra memorie che si accavallano e si confondono... (Leggi tutto)

 

 

 

Il Barone dell'Alba: il nuovo libro di Stefano Valente
RomaToday

In uscita il 14 ottobre un romanzo storico dalle ambientazioni settecentesche della graphofeel edizioni. "Un viaggio che saprà coinvolgervi in un'avventura senza tempo"... (Leggi tutto)

 

 

 

I Piaceri della Lettura

Il Barone dell’Alba, visionario
di Romina Angelici

Un Grand Tour può diventare un’odissea? Ebbene sì, alla fine del Settecento, al figlio di un Barone un po’ svagato, più impegnato in riforme e codicilli che nell’educazione del figlio, demandata peraltro ad una madre che ha coniato un simpatico nuovo idioma ispano-napoletano, in Italia poteva capitare anche questo. Ecco dunque che Francesco Antonio di Santamaria di Caloria, del Regno di Napoli, si mette in cammino, armato di lettere commendatizie e di belle speranze, in compagnia del suo fedele servitore. Non sa ancora che il suo viaggio sarà tutt’altro che un viaggio di piacere, le cui vicende trovano la loro ideale definizione nel termine di “peripezie”, perché tale è la somma di eventi imprevisti e sovvertimenti di sorte non solo imprevisti, ma anche imprevedibili, in cui incorre suo malgrado. Un filo sottilissimo tra la vita e la morte, un continuo stato di bilico sull’orlo del precipizio della mente... (Leggi tutto)

 

 

 

Omniroma-LIBRI, ESCE “IL BARONE DELL’ALBA”: NUOVO ROMANZO DEL GLOTTOLOGO STEFANO VALENTE
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 11 OTT- Esce venerdì in libreria “Il Barone dell’Alba”, nuovo romanzo del glottologo Stefano Valente. Un romanzo storico dalle ambientazioni settecentesche della Graphofeel edizioni: un viaggio che saprà coinvolgervi in un’avventura senza tempo... (Leggi tutto)

 

 

 

Novità editoriale: esce Il Barone dell’Alba, l'avventura senza tempo di Stefano Valente
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

In uscita il 14 ottobre l’ultimo romanzo storico dalle ambientazioni settecentesche edito dalla Graphofeel edizioni. Intervista con l’autore... (Leggi tutto)

 

 

 

Angelicaelisamoranelli.com

II TAPPA BLOG TOUR: IL BARONE DELL’ALBA di Stefano Valente
articolo e intervista di Angelica Elisa Moranelli

Sono felicissima oggi di potervi parlare di un romanzo storico che mette insieme viaggi, misteri, amore: sto parlando de Il Barone dell’Alba di Stefano Valente edito Graphofeel Edizioni. In questa tappa farò quattro chiacchiere con l’autore, parleremo del suo romanzo, naturalmente, del personaggio principale, un giovane nobile alle prese con il suo viaggio di formazione e un grande mistero e di scrittura in generale. Siete curiosi? Allora buttiamoci! Ah, non dimenticate di seguire anche le altre tappe del blog tour, tutte molto interessanti!... (Leggi tutto)

 

 

Omnibus

IL BARONE DELL’ALBA di Stefano Valente
di Leonilde Bartarelli

“…pochi istanti dopo un moro colossale – e per statura e per mole-, avvolto in un caffettano di un cupo azzurro, con un turbante bianco sul capo, sfilava nella galleria e ci superava (mentre Durcheinander si curvava fin quasi a sfiorare il suolo col naso cereo). i suoi grandi piedi, dentro babucce di sfolgorante pelle di rettile – tutte incrostate di gemme minuscole e petruzze brillantine -, stampavano sul marmo lustro un incedere tanto pesante quanto maestoso, rimarcato da luccicanze e barbagli…”

Chi è questo inquietante personaggio? Il giovine Francesco Antonio, barone di Santamaria di Caloria non sa che è solo all’inizio del suo avventuroso e pericoloso Grand Tour... (Leggi tutto)

 

 

 

Cultura al femminile

IL BARONE DELL’ALBA, Stefano Valente
di Giulia La Face

Chiudendo la lettura de Il Barone dell’Alba, erano ormai le tre della notte, l’ora meravigliosa dove il silenzio lascia che i personaggi di un libro continuino a muoversi indisturbati intorno a noi, ho provato la stessa sensazione che si sperimenta al termine di un viaggio iniziatico, quei rari viaggi che segnano e cambiano la nostra vita. Proprio come si narra in questo libro, del viaggio, il cosiddetto Grand Tour, del giovane barone Francesco di Calòria, che inviato dal padre a intraprendere il Viaggio che ogni giovane nobile intraprendeva per studio, crescita personale, blasone, passaggio all’età adulta, durante il secolo dei Lumi, affronta avventure inaspettate, dalle terre italiane di nobiltà e retaggi oscurantisti, fino alle terre di oscure e magiche tradizioni dell’Egitto. Viaggio che cambierà per sempre la vita del giovane Francesco... (Leggi tutto)

 

 

 

B. among the little women

Recensione di “Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente
di Bianca Rita Cataldi

(...) Il principale punto di forza di questo romanzo sta nella finzione letteraria che ne regge la trama e che rimanda davvero ai grandi classici della letteratura. Le idee del "ritrovamento" e del lavoro filologico sono geniali, soprattutto se applicati con strumenti moderni, nel 2016. A far da fil rouge alle avventure del giovane barone vi è un quadro misterioso che... (Leggi tutto)

 

 

 

Notting Hill Books

Recensione di “Il Barone dell’Alba” di Stefano Valente

“Gli scritti qui riportati sono parte di una donazione privata offerta all’Archivio di Stato di Palermo (e ancora in fase di classificazione). Esaminarli e riproporli in questa veste è stato possibile solo grazie al mio amico P.
[…] «Testi settecenteschi, sì, ma non solo. Però oggi chissà se frega ancora qualcosa a qualcuno di roba del genere… Comunque tu, magari ne potresti tirar fuori qualcosa di buono».
Magari, P., già.”

Stefano Valente inizia così, con questa premessa, a raccontarci le vicende di Francesco Antonio, Barone di Santamaria di Caloria, il protagonista di questa storia settecentesca.

Ma questo libro, cari Notters, non è solamente il risultato di uno studio delle vicende del protagonista…
“Il Barone dell’Alba” è uno stralcio di passato, un salto a piedi uniti in un epoca storica di cui tanto abbiamo sentito parlare, soprattutto a scuola, ma che mai abbiamo avuto la (s)fortuna di vivere in prima persona.

Sullo sfondo della Rivoluzione Industriale, della Rivoluzione Americana e di quella Francese capitanata da alti esponenti come Rousseau, Voltaire e Montesquieu, prendeva piede la stravagante avventura di Francesco Antonio... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a Letture Fantastiche.com

Intervista allo scrittore Stefano Valente

Erudito e molto preparato in ambito narrativo, oltre a essere un profondo conoscitore della letteratura portoghese, Stefano Valente è anche un ottimo scrittore di fantascienza.

Letture Fantastiche: Domanda a bruciapelo: com'è nata la tua passione per la narrativa fantastica e speculativa?

Stefano: Devo risalire alle prime letture dell'adolescenza. All'impatto che ebbero sulla mia fantasia alcuni scrittori, soprattutto i racconti di Edgar Allan Poe.

Indimenticabili! Macchine narrative perfette! Poe è il padre assoluto della letteratura moderna, mostra e mette in atto i principi strutturali sui quali tuttora si fonda la dinamica della scrittura, dal racconto breve fino al romanzo. Il climax, il pathos, il gioco dei diversi io narranti ecc. Non solo. Con Poe ha origine anche il concetto di genere letterario. E il suo superamento. Pur essendo figli della letteratura gotica e neogotica, i suoi testi anticipano la contaminazione fra differenti tendenze... (Leggi tutto)

 

 

La serpe e il mirto (1978) Nuova Edizione
di Adriana Alarco de Zadra (Letture Fantastiche.com)

Ogni esistenza narrata è un’ansia di Caos e il suo cibo è il Tempo. Su questa base mistica si fonda il romanzo di Stefano Valente, capace di fondere il mistero di una Roma qusi aliena con gli avvenimenti dell’Argentina della dittatura, nel 1978 tanto importante per entrambi i paesi... (Leggi tutto)

 

 

 

Cultura: oggi la premiazione del concorso ‘Cultora’
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

La cerimonia si svolgerà sabato 23 maggio a Impact Hub in viale Scalo San Lorenzo. Tra i vincitori lo scrittore Stefano Valente con il racconto ‘U figghiu ri pisci’

Roma - Sabato 23 maggio, alle ore 18, premiazione dei racconti selezionati dalla prima edizione del concorso letterario “Cultora”, per gli autori del centro e del sud Italia. La premiazione avrà luogo a Impact Hub in viale Scalo San Lorenzo, 67, a Roma. Il concorso è stato indetto dal portale di informazione culturale Cultora (www.cultora.it) in collaborazione con Historica Edizioni. Tra i vincitori Stefano Valente con il racconto “'U figghiu rî pisci”, uno sguardo differente sul difficile tema dell'immigrazione... (Leggi tutto)

 

 

 

Omniroma-EDITORIA, PREMIATI RACCONTI I EDIZIONE CONCORSO LETTERARIO “CULTORA”
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 23 MAG - Sono stati premiati i racconti selezionati dalla prima edizione del Concorso letterario “Cultora”, per gli autori del centro e del sud Italia. La premiazione ha avuto luogo a Impact Hub in viale Scalo San Lorenzo, 67. Il concorso è stato indetto dal portale di informazione culturale Cultora (www.cultora.it) in collaborazione con Historica Edizioni. Tra i vincitori Stefano Valente... (Leggi tutto)

 

 

 

Destinazione Libri

Stefano Valente e Cultora

Stefano Valente, oggi… sarà premiato…

Complimenti Stefano, da parte di tutti noi.

Sabato 23 maggio 2015 a Roma alle ore 18,00 premiazione dei racconti selezionati dalla prima edizione del Concorso letterario “Cultora”, per gli autori del centro e del sud Italia. La premiazione avrà luogo... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a «Japanimando»
(anno V n. 46)

I FANTASTICI VIAGGI DI STEFANO VALENTE

Ciao a tutti gli amici di «Japanimando»! Anzi: konnichiwa! Mi chiamo Stefano Valente, romano, e sono uno scrittore (ma anche un illustratore e un disegnatore/sceneggiatore di fumetti) da sempre “in viaggio” sulle piste vertiginose del fantastico e dei suoi mondi.
La mia “avventura” comincia con la realizzazione di cover per libri e con varie collaborazioni con riviste di comics per le quali... (Leggi tutto)

 

 

 

Sensei delle Stelle
PEGASUS SF: Libri


Dopo il giallo fantascientifico-distopico Il Delegato Poznan è stanco (attualmente in offerta su tutti gli store a 0,99 euro) Stefano Valente torna alla Science Fiction con il nuovo ebook Sensei delle Stelle. Si tratta di un ritorno alla fantascienza “pura”, decisamente connotato dai tratti della Space Opera alla Jack Vance delle storie dell’ammasso stellare Alastor, alla Frank Herbert col suo celeberrimo ciclo di Dune, o alle suggestioni cinematografiche di Star Wars e dei film di Riddick. Sensei delle Stelle offre una narrazione “spietata” – come sono spietate le tecniche insegnate dai sensei, i grandi maestri dell’arte del combattimento –, un ritmo incalzante scandito da successioni di lotte in arene galattiche... (Leggi tutto)

 

 

 

di Lucia Montauti (Inbook.tv)

LA SERPE E IL MIRTO: SFACCETTATURE DELL’ANIMA IN UNA ROMA MISTERIOSA ED EVANESCENTE

La Serpe e il Mirto (1978) è definito un giallo esoterico, è corretto?

Forse sì. Ma La Serpe e il Mirto (1978) è anche molto altro: un mystery, un noir. C’è una Roma misteriosa, evanescente, che esiste parallelamente al mondo quotidiano e attende d’esser percepita. L’Argentina – o meglio il Sudamerica (con il suo «realismo magico») – e il Portogallo-orlo del mondo. E il protagonista, Aguilar Mendes, che li condivide entrambi: un personaggio, volente o nolente, sempre a metà, sospeso tra più universi. Infine, su tutto, il Tempo come entità spiraliforme, che disfa e ricostruisce cicli sempre uguali e sempre differenti (perché una spirale gioca a camuffarsi in circolo). Germi e suggestioni che, pagina dopo pagina, finiscono per rivelare miti e simboli archetipici – si pensi all’Ouroboros-Serpente-Tempo – dall’Antichità dell’Occidente ma anche dalle culture più remote: ad esempio gli antenati delle «vie dei canti» dell’Australia. La Storia delle Religioni, l’Etnologia e l’Etnolinguistica sono il filo conduttore dei miei studi e della mia formazione... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a Inbook.tv

PER LO SCRITTORE STEFANO VALENTE IL LIBRO È UN’AVVENTURA

Grazie a Stefano Valente per aver intriso di idee e pensieri questa intervista.

Perché scrivere un libro?

Raccontare una storia, scrivere un romanzo, è il punto finale di una maturazione interiore: quando cioè un bagaglio di esperienze, suggestioni, idee, letture, cresce fino a straripare all’interno di noi stessi. È quanto mi succede. Probabilmente è anche quello che mi “obbliga” ad affrontare il difficile lavoro di un romanzo. Che per me va di pari passo con il dover narrare una storia “altra”, che imponga riflessioni o tenti di stimolare punti di vista alternativi. C’è poi l’elemento narrativo puro, o se si vuole visionario... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a Destinazione Libri
Sito dedicato a recensioni, segnalazioni di libri, interviste ad autori ed editori

Stefano è una di quelle persone che ci hanno contattato in punta di piedi ma che sono subito entrate a far parte del mondo di Destinazione Libri.

Non sto a raccontarvi molto… lo sapete, preferiamo farli conoscere direttamente… con le loro stesse parole…

(...) Di cosa parlano i tuoi libri? Quando me lo chiedono io rispondo sempre: «Scrivo cose strane». È che amo le storie non comuni, l’anomalia, il “salto” o la “scossa” attraverso i quali l’ordinario si fa meraviglioso… (Leggi tutto)

 

 

 

Il Delegato Poznan è stanco
PEGASUS SF: Libri

Un romanzo visionario

Il Delegato Poznan è stanco è un romanzo visionario nel segno dei classici della letteratura distopica, da 1984 di Orwell a Fahrenheit 451 di Bradbury, fino alla graphic novel V per Vendetta. Il mondo in cui si muove ed è costretto a indagare il disincantato, “stanco” funzionario di polizia Poznan, ha il volto ipocrita della falsa libertà, della democrazia imposta, dove ogni dissenso è schiacciato dall’alto delle gerarchie dominanti. Una società d’apparenza e struttura che può tollerare esclusivamente il potere, chi lo detiene e la fitta schiera dei suoi cortigiani. Dove ogni forma di resistenza e di ribellione è costretta a combattere una guerra segreta, ad altissimo rischio, e per farlo deve nascondersi al di fuori della Terra, nelle Colonie dello spazio esterno. Perché « Loro ti osservano, Loro ti ascoltano, Loro sanno sempre dove sei...».
Con Il Delegato Poznan è stanco Stefano Valente costruisce un intreccio incalzante nel quale la lotta del protagonista per la verità finisce per far emergere i lati più oscuri della globalizzazione. Non soltanto, quindi, una storia avvincente per gli amanti della SF, ma anche una critica della deriva della civiltà “occidentale” con i suoi aspetti più inquietanti, come la centralizzazione della supremazia, il consenso obbligato e l’asservimento di comodo, l’annullamento dei deboli e dei diversi, l’omofobia...
(Leggi tutto)

 

 

 

Recensione “Il Delegato Poznan è stanco”
di Manuela Dicati (Il Forziere dei Libri)

(...) Poznan sa qual è il suo posto e qual è la sua missione. Non ha dubbi, lui è il delegato per la Salvaguardia Pubblica, al servizio del Ministro della Propaganda che ora lo vuole per risolvere un caso delicatissimo perché molto personale. Poznan non ha dubbi che sarà in grado di risolvere il caso perché lui è un segugio. Eppure piano piano le sue certezze iniziano a sgretolarsi. Piano piano, la fiducia nei suoi capi e in tutto il sistema inizia a vacillare. In un mondo dove il Presidente è solo un fantoccio, dove a capo di tutto c’è proprio il Ministro e la Propaganda, dove è vietato leggere e sognare e si può solo obbedire, alla fine Poznan si ritroverà proprio come dice il titolo: stanco o per meglio dire, esausto... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a Parliamo di Libri
Sito dedicato a recensioni, segnalazioni di libri, interviste ad autori ed editori
di Laura Bassutti

Con Stefano Valente, parliamo, oltre che del suo romanzo La serpe e il mirto (1978) Ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes, di letteratura, editing, traduzioni… Una chiacchierata ricca di spunti per chi scrive... (Leggi tutto)

 

 

 

di Laura Bassutti (Parliamo di Libri)

La Serpe e il Mirto (1978)
Ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes

Un uomo schivo, spaesato, invischiato in vicende drammatiche e imprevedibili, fino a trovarsi di fronte al Tempo e al suo eterno enigma, è il protagonista di questo bel romanzo, ricco di simbolismo, che fonde mistery e giallo esoterico.
Nella trama, complessa e avvincente, si incrociano realtà e Mito, la Storia con le sue grandi tragedie, i fatti quotidiani e privati della vita dei diversi personaggi che pullulano intorno alla pensione Internazionale di vicolo de’ Serpari, amori passati ma destinati a rivivere, logge massoniche, sedute spiritiche, complotti, la Gnosi e Ireneo...
(Leggi tutto)

 

 

 

Il Delegato Poznan è stanco
Il futuro è tornato.com

Creare una distopia e ambientarvi delle storie non è facile come sembra, anche quando si trae ispirazione dalla Storia. I modelli autoritari del ventesimo secolo si prestano alla reinterpretazione, all’essere in qualche modo adattati alle circostanze di ipotetici futuri, ma nascondono spesso delle vere e proprie trappole per gli scrittori. Il primo rischio è quello di dare troppo spazio all’ambientazione a sfavore dello sviluppo della trama, il secondo quello di schiacciare i propri personaggi sul modello di figure storicamente rilevanti, il terzo è invece quello di limitarsi ad accennare le coordinate del modello – sperando nella fattiva collaborazione del lettore per non farlo sembrare una quinta di cartone. Stefano Valente, l’autore di questo romanzo breve, è riuscito ad evitare tutte le trappole citate per confezionare una storia godibile che riesce a staccarsi dalla schiera infinita di distopie scadenti di questi anni... (Leggi tutto)

 

 

 

Il Delegato Poznan è stanco di Stefano Valente
Letture Fantastiche.com

La Terra successiva al IV Conflitto è un mondo freddo, spietato, senza prospettive per chi non si adegua alle regole del sistema centralizzato. Un sistema capillare, dominato da una fitta rete burocratica che ha ereditato e perfezionato le strutture stataliste eurasiatiche: alla quale nulla sfugge e nessuno può sottrarsi. Le stesse forze di polizia, ad esempio. Anche i più alti funzionari, come il Delegato della Salvaguardia Pubblica Poznan.

Poznan è un poliziotto disincantato, un investigatore insofferente alle pastoie imposte dall'alto, dai regolamenti di Ministeri e uffici. Sa bene che limitare la libertà d'azione degli agenti, controllarne l'operato, è un imperativo del regime. Per questo, quando viene incaricato di indagare sul rapimento del giovane amante del Ministro della Propaganda, Poznan si rende conto d'essere alle prese con il caso più delicato della sua carriera. Ma non può sottrarsi.

Ha inizio così una ricerca che trascinerà il Delegato della Salvaguardia Pubblica dalla Terra ai mondi delle Colonie Esosistema. È là che potrebbero celarsi alcune cellule dell'Emmeagì, il Movimento Armato per la Giustizia, la principale fazione dissidente. È là che i ribelli potrebbero nascondere l'ostaggio.

Ma la ricerca di Poznan è appena al principio. La pista dei mondi Esosistema, culla dell'eversione, rivela tracce all'apparenza indecifrabili che qualcuno (chi?) ha innestato all'interno delle routine dei software utilizzati dalla resistenza per trattare col potere centrale. Messaggi ambigui, a prima vista fuorvianti - interfacce artificiali che citano antichi testi, frasi dal Libro dello Splendore della qabbalah: "Tutto il mondo è diviso in due parti, delle quali una è visibile e l'altra invisibile. Il visibile non è che il riflesso dell'invisibile".

Indizio dopo indizio, nel Delegato Poznan torna a emergere il mastino che aveva dimenticato, che credeva fosse ormai morto e sepolto. La caccia ricomincia. Di nuovo sulla Terra. O meglio: in ciò che rimane dei territori della vecchia Europa. Una società totalitarista, maschilista, omofoba. E adesso Poznan si rende conto d'essere totalmente solo. Comincia a dubitare. Una domanda su tutte lo tormenta: perché è stato scelto proprio lui? Perché proprio Poznan? Niente e nessuno è in realtà ciò che sembra. Ombre minacciose si addensano sui volti dei funzionari, degli esponenti del regime: anche dei più insospettabili. È veramente panico quello in cui annaspano i vertici del nuovo ordine?

Così, mentre Poznan fatica a sciogliere i nodi di una vicenda senza soluzione, la realtà intorno a lui, lentamente, perde nitidezza. Diviene, a mano a mano, un teatro le cui comparse e i cui protagonisti sono soltanto maschere. Chi è la vera vittima in tutto questo caos? Cosa si nasconde dietro il rapimento dell'amante del Ministro? A cosa servono i tremendi interrogatori sinaptici della sezione Affari Speciali?... (Leggi tutto)

 

 

 

Il Delegato Poznan è stanco di Stefano Valente
Talent’s Books

Uscito in formato digitale eBook l'ultimo romanzo di Stefano Valente, "Il Delegato Poznan è stanco", una thriller-story ambientata in un prossimo e "possibile" futuro. Atmosfere noir per una scrittura ricca e avvincente, mai scontata e nel perfetto stile a cui ci ha abituati lo scrittore romano. (...)

In una società fittizia e imperniata di falsi valori di libertà e democrazia, dove ogni dissenso tende ad essere schiacciato e soppresso dalla forza del potere centrale, per molti aspetti "occulto"... (Leggi tutto)

 

 

 

Omniroma-EDITORIA, ONLINE IL NUOVO EBOOK DI VALENTE: “IL DELEGATO POZNAN È STANCO”
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 27 LUG - E' disponibile online da Libromania (un marchio De Agostini e Newton Compton) il nuovo romanzo di Stefano Valente, “Il Delegato Poznan è stanco” (...). Con “Il Delegato Poznan è stanco” Stefano Valente costruisce un intreccio incalzante nel quale la lotta del protagonista per la verità finisce per far emergere i lati più oscuri della globalizzazione. Non soltanto, quindi, una storia avvincente – da “divorare” sotto l’ombrellone – ma anche una critica della deriva della civiltà “occidentale” con i suoi aspetti più inquietanti, come la centralizzazione della supremazia, il consenso obbligato e l’asservimento di comodo, l’annullamento dei deboli e dei diversi, l’omofobia... (Leggi tutto)

 

 

 

‘Il delegato Poznan è stanco’, indagine senza respiro nella Terra del futuro
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

Edito da Libromania esce in questi giorni l’ultimo romanzo dello scrittore Stefano Valente è una storia avvincente che coinvolge il lettore in un vortice di avventure, in un’indagine senza respiro secondo la migliore tradizione del noir e dell’hard boiled school americana. Una lettura per ‘palati esigenti’... (Leggi tutto)

 

 

 

"Il Delegato Poznan è stanco": l'E-Book di Stefano Valente
RomaToday

Un'indagine in un futuro remoto, o in un domani molto vicino. Il lavoro disponibile online

Disponibile online da Libromania (un marchio De Agostini e Newton Compton), il nuovo romanzo di Stefano Valente, Il Delegato Poznan è stanco, un ebook che catapulta il lettore in un’indagine senza respiro ambientata nel futuro della Terra. Si tratta di un poliziesco che fonde sapientemente i generi Noir e Hard Boiled alla fantascienza pura, con situazioni e atmosfere che rievocano la cupezza fumosa e metropolitana alla Blade Runner e l’asetticità tecnocratica alla Gattaca... (Leggi tutto)

 

 

 

Stefano Valente, scrittore “sull’orlo del mondo”: Roma e Portogallo nell’ultimo romanzo
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

Giovedì scorso la presentazione de ‘La serpe e il mirto (1978)’ all’Istituto di cultura portoghese di Roma nel salão nobre alla presenza dell’ambasciatore del Portogallo, delle autorità e di un folto pubblico

Roma – Stefano Valente, uno scrittore ‘sull’orlo del mondo’. E’ così che l’artista romano, lusitanista e autore del romanzo ‘La Serpe e il Mirto (1978)’, ama definirsi. E lo ha fatto giovedì 29 maggio all’Istituto di cultura portoghese di Roma nel corso della presentazione del suo ultimo lavoro, edito da Parallelo 45, davanti ad un folto pubblico... (Leggi tutto)

 

 

 

Uno scrittore 'sull'orlo del mondo': Roma e il Portogallo nel romanzo di Stefano Valente
RomaToday

Grande affluenza di pubblico per la presentazione de La Serpe e il Mirto avvenuta presso l'istituto di cultura portoghese della Capitale

Grande affluenza di pubblico ieri 29 maggio, nella splendida cornice del salone nobile dell’Istituto di Cultura Portoghese di Roma, per la presentazione dell’ultimo romanzo di Stefano Valente, “La Serpe e il Mirto (1978)”, edito da Parallelo45. Valente e il suo nuovo libro – una storia che intreccia il Mystery e il Giallo esoterico sullo sfondo degli anni di piombo (e prende il via proprio in quel drammatico 16 aprile ’78 del rapimento Moro) – sono stati introdotti dall’ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede, António de Almeida Ribeiro. La presentazione è stata curata dalla traduttrice e curatrice editoriale Guya Parenzan... (Leggi tutto)

 

 

 

Omniroma-EDITORIA, ROMA E PORTOGALLO INSIEME PER PRESENTAZIONE «LA SERPE E IL MIRTO»
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 30 MAG - Presentazione ieri sera nella cornice del salone nobile dell'Istituto di Cultura Portoghese di Roma dell'ultimo romanzo di Stefano Valente, «La Serpe e il Mirto (1978)», edito da Parallelo45. Valente e il suo nuovo libro - una storia che intreccia il Mystery e il Giallo esoterico sullo sfondo degli anni di piombo - sono stati introdotti dall'ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede, António de Almeida Ribeiro... (Leggi tutto)

 

 

 

Omniroma-GLI APPUNTAMENTI DI OGGI -6-
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 29 MAG - (SEGUE). VARIE - Presentazione dell'ultimo romanzo di Stefano Valente «La Serpe e il Mirto (1978)» edito da Parallelo45. Presenteranno il libro... (Leggi tutto)

 

 

 

RomaToday

Stefano Valente: uno scrittore a caccia di segreti tra i vicoli di Roma e di Lisbona

La presentazione del romanzo 'La Serpe e il Mirto' si terrà giovedì 29 maggio a partire dalle 18 all'Istituto di Cultura Portoghese

Il Portogallo è la sua seconda patria, il portoghese la sua “lingua dell’anima”. Stefano Valente, scrittore romano del ’63, glottologo e lusitanista, dedica da sempre un’attenzione particolare a tutto ciò che è cultura e letteratura portoghese nei suoi romanzi che fondono e intrecciano generi diversi...
(Leggi tutto)

 

 

 

INCONTRI
Portogallo
LA SERPE E IL MIRTO
«Il Tempo»

«La serpe e il mirto. 1978». Nel thriller Stefano Valente narra della sua seconda patria, il Portogallo, e della sua lingua dell’anima, domani, proprio nello scenario di uno dei suoi capitoli... (Leggi tutto)

 

 

 

Stefano Valente presenterà il suo ultimo thriller ‘La serpe e il mirto’
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

Imperdibile appuntamento con la cultura giovedì 29 maggio all’Istituto di cultura portoghese Sant’Antonio. All’evento, oltre all’autore, sarà presente anche l’ambasciatore del Portogallo

Roma – Imperdibile appuntamento con la cultura giovedì 29 maggio in occasione della presentazione de ‘La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes’, l’ultimo romanzo di Stefano Valente, glottologo e lusitanista, studioso delle lingue e letterature ibero-romanze e autore di sofisticate, avvincenti opere che coinvolgono il lettore in avventure ricche di suspense... (Leggi tutto)

 

 

 

29 maggio, presentazione libro: "La Serpe e il Mirto" di Stefano Valente
Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma

L'ultimo romanzo di Stefano Valente, glottologo e lusitanista, studioso delle lingue e letterature ibero-romanze, un "tuffo nel Mistero – fino al Mistero dei misteri – di Aguilar Mendes, studioso di letteratura, che dall’Argentina dei militari e dei desaparecidos è scaraventato negli “oscuri” vicoli di Roma, nel labirinto dei suoi enigmi, millenari e presenti." Lisbona e Porto e anche una scena ambientata a Sant'Antonio dei Portoghesi.

Presentazione a cura di Guya Parenzan. Sessione presieduta da S. E. l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede, Dott. António de Almeida Ribeiro. (Leggi tutto)

 

 

 

La Serpe e il Mirto (1978) di Stefano Valente
Newespressionelibri

Gli “ospiti” di una strana pensione di Roma. Epici bravacci che portano il terrore e il carnevale fin dentro il cuore del Brasile. Santi-teologi in bordelli della Terra del Fuoco. Un gatto di Oporto (?) e tre cani infernali. Antenati-Serpenti dall’altra parte del mondo. Le malinconie dolci di Lisbona…
(Leggi tutto)

 

 

 

La serpe e il mirto. Quando il mistero è la vita stessa.
di Isabella Moroni (Art a Part of Culture)

Lo hanno definito un mistery o un giallo esoterico, ma La serpe e il mirto è qualcosa di più: è il luogo in cui Fernando Pessoa e Jorge Luis Borges trovano modo d’incontrarsi anche solo condividendo la stessa storia, è il legame forte ed occulto fra i carnefici e i loro emissari di entrambi gli emisferi, è il tempo che avanza e poi ritorna e s’avvolge a spirale seguendo il simbolo del serpente... (Leggi tutto)

 

 

 

In libreria il “giallo-mystery” di Valente - Ambientato tra le mura di una “introvabile” pensione romana arriva “La Serpe e il Mirto”
di Eleonora Laurita (Quotidiano «La Voce»)

È nelle librerie il nuovo volume di Stefano Valente... (Leggi tutto)

 

 

Omniroma-EDITORIA, IN LIBRERIA IL GIALLO-MISTERY "LA SERPE E IL MIRTO" DI STEFANO VALENTE
Agenzia di Stampa Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 19 DIC - È nelle librerie il nuovo volume di Stefano Valente. In bilico tra il mistery e il giallo esoterico “La serpe e il mirto (1978) - ovvero il Tempo secondo Aguilar Mendes”. La vicenda che l’autore racconta ha tra i protagonisti gli “ospiti” di una strana pensione romana. Aguilar Mendes, studioso di letteratura, che dall’Argentina dei militari e dei desaparecidos è scaraventato negli “oscuri” vicoli di Roma, nel labirinto dei suoi enigmi, millenari e presenti... (Leggi tutto)

 

 

 

Lo scrittore Stefano Valente presenta il suo ultimo romanzo alla fiera ‘Più Libri Più Liberi’
di Maria Grazia Stella («Ostia TV»)

Roma – E’ un romanzo in bilico tra il mistery e il giallo esoterico ‘La serpe e il mirto (1978) - ovvero il Tempo secondo Aguilar Mendes’, l’ultimo romanzo dello scrittore romano Stefano Valente presentato oggi, sabato 7 dicembre, e domani, domenica 8, alla fiera ‘Più Libri Più Liberi’ in corso al Palazzo dei Congressi dell’Eur, a Roma. Una vetrina di assoluto prestigio per un’opera originale che mescola sapientemente tanti ‘ingredienti’, risultando avvincente dalla prima all’ultima pagina... (Leggi tutto)

 

 

"La serpe e il mirto (1978)" di Stefano Valente, Roma, Fiera "Più Libri Più Liberi", sabato e domenica 7 e 8 dicembre
Ambasciata del Portogallo a Roma

Sabato e domenica 7 e 8 dicembre, Fiera Più Libri Più Liberi (Eur, Palazzo dei Congressi, Spazio Edizioni Parallelo45, Piano Primo, stand A45).
Gli "ospiti" di una strana pensione di Roma. Epici bravacci che portano il terrore e il carnevale fin dentro il cuore del Brasile. Santi-teologi in bordelli della Terra del Fuoco. Un gatto di Oporto (?) e tre cani infernali. Antenati-Serpenti dall'altra parte del mondo. Le malinconie dolci di Lisbona...
(Leggi tutto)

 

 

La serpe e il mirto (1978)
Letture Fantastiche.com

Aguilar Mendes, studioso di letteratura portoghese, giunge a Roma il 16 aprile del 1978, esattamente nel mattino cruciale del rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse. E' un fuoruscito, un esule che fugge dall'Argentina che il regime militare ha trasformato nella terra dei desaparecidos. A Roma hanno così inizio le vicende del letterato: scendendo in una strana - a volte "introvabile" - pensione del centro, Aguilar Mendes sarà proiettato in una girandola di eventi misteriosi che lo porterà avanti e indietro per l'Europa, rendendolo vittima e protagonista di arcani insondabili e intrighi politici... (Leggi tutto)

 

 

Recensione Libro “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes
di Alessandra Galdiero (Recensione Libro.it)

“La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” dello scrittore emergente Stefano Valente, pubblicato dalla casa editrice Parallelo45 Edizioni è un libro molto particolare, che fonde due generi: il giallo esoterico e il Mystery e che pone l’accento su un tema delicato.
Il protagonista de “La serpe e il mirto (1978) ovvero il tempo secondo Aguilar Mendes” si chiama Aguilar Mendes ed è uno studioso di letteratura che agli occhi degli altri può apparire come un uomo già sconfitto, costretto a combattere battaglie che gli spettano, ma che lui non sente sue.
Quest’uomo debole, nostalgico e che non agisce, un individuo che l’autore stesso sembra odiare, conosce la realtà dell’Argentina dei desaparecidos e l’enigma che la accompagna.
Aguilar Mendes si trova a percorrere le strade di Roma, quelle di una città i cui luoghi, e non solo quelli, scompaiono misteriosamente. E dello stesso mistero intangibile e per questo inafferrabile si presenta la storia narrata da Stefano Valente... (Leggi tutto)

 

 

 

Libri,'Di altre metamorfosi':a un romano premio Linguaggi Neokulturali
Agenzia di Stampa LaPresse

Va a un romano l'edizione 2013 del premio letterario 'Linguaggi Neokulturali'. A vincere la palma il romanzo 'Di altre metamorfosi' di Stefano Valente (...). Laureato in glottologia, è lusitanista e studioso delle lingue e letterature ibero-romanze. L'opera è stata selezionata da una giuria composta da agenti letterari, direttori editoriali, scrittori e giornalisti su 2046 testi in concorso... (Leggi tutto)

 

 

 

Uno sguardo da un'altra prospettiva - Il Premio Letterario Linguaggi Neokulturali
di Antonella Mecenero (Inchiostro, fusa e draghi)

Un romanzo in particolare mi ha fatto riflettere. Se mai ci fosse stato bisogno di ribadirlo, ho capito con rinnovata chiarezza che un romanzo si svela solo alla lettura. DI ALTRE METAMORFOSI ha un titolo che, d'istinto, mi preoccupava. Poi ho letto la sinossi che era allegata al testo e mi sono preoccupata ancor di più. Ho iniziato a leggerlo con una certa diffidenza... E poi di colpo erano passate tre ore e ne ero completamente ipnotizzata... (Leggi tutto)

 

 

 

Libri: "Di altre Metamorfosi", a Stefano Valente il premio "Linguaggi Neokulturali"
di Mauro Cifelli (RomaToday)

Lo scrittore romano si aggiudica l'edizione 2013 del Premio Nazionale. Le tematiche a sfondo filosofico, religioso, esoterico, sociale al centro del suo ultimo lavoro... (Leggi tutto)

 

 

 

Vincitore della I edizione del premio “Linguaggi Neokulturali” con il romanzo inedito Di altre Metamorfosi
Scheda dell’opera
di Silvia Longo, scrittrice e presidente della giuria

Di Altre Metamorfosi è in assoluto il testo più innovativo, dal mio punto di vista. Per l’argomento coraggioso (non è da tutti affrontare tematiche a sfondo filosofico, religioso, esoterico, sociale, e scegliere di farlo così: non con un saggio, sebbene i contenuti vi siano tutti, ma in narrativa) e per la forma (una sorta di gioco ad incastro di vari racconti, il cui finale dell’uno coincide con l’inizio del successivo, in modo pressoché perfetto).
(Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a Talento nella Storia
il «portale culturale nato dall’amore per la Storia»
di Andrea Rocchi C.

ANDREA ROCCHI C.:
Questo articolo è dedicato a uno degli autori più interessanti che ho avuto il piacere di conoscere negli ultimi anni. Il suo romanzo, protagonista di questo articolo "Lo Specchio di Orfeo" racchiude come uno scrigno questa specialità, sprigionandola pagina dopo pagina fino all'epilogo finale. Un romanzo emozionante ed erudito, ricco di suggestioni e colpi di scena, che si avvale di un incredibile lavoro di documentazione storica. Un'ideale simbiosi di storia, mitologia ed esoterismo con il quale il lettore riesce a confrontarsi, comprendendo a poco a poco i cardini che muovono l'intero complesso (...)
(Leggi tutto)

 

 

 

In spagnolo Intervista a Internacional Microcuentista
publicado por Esteban Dublín

Internacional Microcuentista: Por favor, cuéntales a los lectores de La Inter en qué consiste Il Sogno del Minotauro.

Stefano Valente: Il Sogno del Minotauro nació hace algunos años cómo proyecto de hacer una “literatura sin fronteras”. Para fronteras, por supuesto, me refiero a la de los idiomas. El área que elegí –lo que sentía era más apropiado y más interesante– fue la del cuento breve y microrrelato. El universo del microrrelato (porque es un “universo”) no es muy conocido en Europa, y mucho menos en Italia. Creo que este es un vacío que merece ser llenado. El microrrelato se practica sobre todo en los países de habla española, especialmente en América Latina. (...) (Leggi tutto)

 

 

 

O Espelho de Orfeu adottato come lettura dalla Associação de Professores de Latim e Grego di Coimbra

Sabato 19 giugno 2010 — «Dos mitos clássicos à actualidade, passando pelo mundo misterioso e esotérico, com recurso às novas tecnologias, “uma viagem vertiginosa às profundezas de um mistério com cinco séculos”:
Stefano Valente, O Espelho de Orfeu - Romance, Ésquilo, 2008»
(Isaltina Martins, presidente della
Associação de Professores de Latim e Grego de Coimbra
)

 

 

 

Lo Specchio di Orfeo: Non tutti i codici spuntano per nuocere
di Luigi Brasili (Lettera.com)

...Le sarei estremamente grato se, pur con i pochi dati che Le invio, potesse fornirmi qualche chiarimento o qualche sua preziosa opinione circa la forma dello specchio e, in particolare, della sua impugnatura a croce. Come Le è chiaro, la "coincidenza" di aver rinvenuto lo stesso oggetto, nella miniatura del manoscritto e fra i reperti della collezione privata, oltre alle evidenti "stranezze" e reticenze dei loro proprietari, mi sembrano elementi degni di indagini ulteriori... (Leggi tutto)

 

 

 

Lo Specchio di Orfeo
di Francesca Morelli (Mangialibri.com)

(...) Romanzo erudito, per i contenuti e per i molteplici riferimenti che spaziano dal letterario, all’esoterico, al mitologico, all’alchimistico e al glottologico, nei quali l’autore dà bella mostra delle sue profonde conoscenze umanistiche. Il rischio, con così tanta materia al fuoco, poteva essere quello di creare una storia sbilanciata nelle sue parti, o dal sapore irreale, e invece (con sorpresa) il ritmo sempre incalzante e ben orchestrato si fonde in un equilibrio perfetto di atmosfere tra il giallo, il fantastico e il thriller... (Leggi tutto)

 

 

 

Riflessi pericolosi
di Andrea Bedetti (Avantgarden)

Apparentemente, un romanzo come altri che dipanano e affrontano, sotto varie chiavi di scrittura e di trama, il segreto della vita e il mistero della morte, con l'immancabile riferimento all’antico Egitto per arrivare... (Leggi tutto)

 

 

 

Lo Specchio di Orfeo — Playlist del sito Ver Sacrum (dicembre 2008)
di Ankh

Stefano Valente compare per la seconda volta in una mia playlist di fine anno: con un romanzo molto diverso dal suo precedente “Del Morbo” riesce a mostrare che è ancora possibile fare letteratura anche con romanzi di genere. E non credo sia poco.

 

 

 

La riscossa del noir all’italiana
di Errico Passaro, « Secolo d’Italia »

(...) Ogni scrittore è un falsario, ma gli scrittori di “thriller esoterici” lo sono ancora di più, usando il meccanismo poliziesco non per descrivere fedelmente un dato periodo storico, ma per mostrarne le verità nascoste e i misteri irrisolti. E’ il caso di Stefano Valente, autore de Lo specchio di Orfeo (Liberamente, 273 pp., euro 13,90), che racconta di... (Leggi tutto)

 

 

 

Del Morbo - una cronaca del 1770 di Stefano Valente (2004, 136 pagine, Serarcangeli, prezzo: 11.00 Euro)
di Ankh

Temo, purtroppo, che non sarà facilissimo trovare in libreria questo breve romanzo di Stefano Valente, autore romano assolutamente degno di nota; ed è un vero peccato, perché si tratta di un lavoro pregevolissimo, certamente una delle cose migliori lette negli ultimi tempi, che meriterebbe sicuramente migliori distribuzione e visibilità... (Leggi tutto)

 

 

 

Del Morbo. Ovvero: di fronte al vascello dei massimi interrogativi
di Giuseppe Talarico, « Ragionamenti »

In un indimenticabile libro di Pietro Citati, La Luce della Notte, la letteratura è vista come il linguaggio fondamentale per illuminare e rischiarare la tenebra e l’oscurità che avvolgono e circondano la vita umana. Infatti, analizzando le opere degli autori del mondo antico, da Omero a Erodoto fino a Apuleio e Lucrezio... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a TeleVita
di Andrea Menaglia

« Libri Oggi », TeleVita, 21 aprile 2005

ANDREA MENAGLIA:
(…) un romanzo che si legge molto bene, ambientato con stile confacente, scrittura moderna (…). I vari personaggi intarsiati nella vicenda rendono la lettura godibile… Ma le volevo chiedere subito: l’ambientazione: lei si è calato nel Secolo dei Lumi…
(Leggi tutto)

 

 

 

Del Morbo — Una cronaca del 1770 di Stefano Valente
di Patrizia Vitrugno, « Il Laboratorio del Segnalibro »

« La storia di Lille Havn è, né più né meno, un incidente, un sassolino raccolto o calciato o ignorato dal viaggiatore lungo l’ampio cammino del XVIII secolo ». È la storia del dilagare di un’epidemia ricostruita da un anonimo cronista del 1770... (Leggi tutto)

 

 

 

Premio Athanor per la Narrativa — Edizione 2004
Motivazione

Con il suo romanzo Del Morbo — Una cronaca del 1770, S. Valente raggiunge una perfezione stilistica non usuale, una corposità di suoni e di movimento, di situazioni e di contenuti di rara efficacia. Dotta ma non stucchevole, la sua narrazione... (Leggi tutto)

 

 

 

Stefano Valente — Del Morbo
di Vito Magno, « Rogate Ergo »

Viene proposta in questo libro una cronaca immaginaria del 1770, ambientata in una cittadina immaginaria della costa del Mar Baltico. Una peste iniziata come un contagio, diventa pandemia... (Leggi tutto)

 

 

 

Intervista a «il Messaggero»
di Raffella Troili

(...) Ieri, alla libreria Montecitorio, ha presentato la sua prima fatica edita: Del Morbo — Una cronaca del 1770, (Serarcangeli).
Romanzino mica facile, perché a Stefano piace « ricercare e sperimentare altre strutture narrative »... (Leggi tutto)

 

 

 

Un Valente scrittore premiato a Mondolibro
di Luigia Berti, « Il Tempo »

(...) È Stefano Valente, laureato in glottologia e con alle spalle numerose esperienze “creative”: giornalista free-lance, sceneggiatore e disegnatore di fumetti, traduttore per alcune case editrici. È stato recentemente selezionato al Premio Letterario Nazionale « Mondolibro »... (Leggi tutto)

 

Torna a inizio pagina

Home